Terapia di coppia e le evolzioni che si sono verificate in questi ultimi anni.

Inannzitutto va definito che la coppia è un qualcosa che è più della semplice unione semplice di due individui, ma che è un incontro di differenze di personalità, abitudini ed emozioni che è molto complesso da definire.
Se ne deduce che la coppia è come una realtà al di sopra della conformazione delle persone che la fondano, in grado di influenzare molto intensamente le motivazioni che spingono ogni dei componenti nei loro rapporti.

La coppia poi non è qualcosa che è stabile ed immutabile, ma cambia nel tempo sopratutto che si prosegue con la conoscenza del partner e i sentimenti di innamoramento possono evolversi aumentando i legami nel tempo.

A questo punto il rapporto quando il sentimento di amore è diventato più stabile, le emozioni insieme possono affievolirsi. La coppia stabile che è ormai collaudata da anni, può attraversare durante l’esistenza del rapporto anceh diverse vicende che possono far cambiare idea ai componenti partner, anche sulla necessità di continuare il rapporto e di mantenere in essere il legame.

Una terapia di coppia che sia volta a mantere il rapporto, deve prima quindi procedere con una analisi individuale di ogni singolo componente della coppia. La terapia di coppia è quindi indirizzata non a risolvere problemi individuali, ne deve comprendere problemi come possono essere quelli derivanti dal disturbo dell’umore.

Quanto il problema di una coppia è causato da persone che sono ben consolidate a livello di psiche, allora si è in grado di riconoscere le proprie emozioni e anche quindi quelle altrui e del partner.

La terapia di coppia quindi è un qualcosa che si differenzia molto da una analisi sulla situazione familiare, caratterizzando le specifiche della terapia in modo molto specifico.

Se ne deduce che la terapia di coppia si è trasformata negli ultimi tempi in un elemento molto importante e addirittura comune, prendendo come cause i cambiamenti della società e della cultura. I ruoli maschili e femminili ad oggi non sono più così distinti e definiti e quindi non ci si trova più ad affrontare una situazione di confuzione e inconsapevolezza che caratterizzava il passato. I benefici sono tali che un partner può far fronte a dei problemi critici, studiando la soluzione insieme al partner senza che ci siano altri pensieri se non quello di mantenere la coppia unita. Una volta che assieme si è potuto studiare le soluzioni che meglio si adattano alla situazione della coppia, si potrà senza dubbio capire meglio se la coppia deve rimanere tale, oppure se è molto meglio per entrambi procedere con una separazione.

La terapia di coppia viene condotta da un terapeuta familiare o da una equipe;  talvolta può essere importante la partecipazione della famiglia d’origine, ma mai quella dei figli (se presenti).
Durante la psicoterapia, la coppia siede davanti al terapeuta, e parla liberamente dei problemi, delle emozioni, ecc. ; le fasi sono le stesse della terapia individuale: formulazione del problema e degli obiettivi terapeutici; costruzione dell’alleanza terapeutica; superamento delle situazioni di impasse e di crisi; la gestione della chiusura dell’incontro terapeutico. Fondamentale, per il corretto svolgimento della terapia di coppia, è la motivazione di entrambi i partner a parteciparvi; a volte succede, che uno dei due sia poco motivato, ma che dopo due o tre sedute, acquisti la motivazione necessaria: se ciò non accade, è inutile proseguire.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *